AVVISO


- AVVISO -

Si informano tutti i lettori e in particolare le case editrici e gli autori che il blog è attualmente "chiuso" per tutte le eventuali richieste di segnalazione e recensione.
Vi prego di rispettare tale decisione e quindi evitare mail con queste richieste.
La decisione è stata presa in modo da poter pubblicare tutte le segnalazioni/recensioni già in lista.
Grazie mille a tutti e buona permanenza nel blog. :)

10 mag 2017

INTERVISTA a Stefano Labbia (autore de 'I giardini incantati' e 'Gli orari del cuore')

Buongiorno a tutti!^^
Questo periodo è un po' infernale e quindi ci sarò meno, anche per motivi di studio e per motivi personali.
Nonostante ciò appena possibile pubblicherò qualcosina, tra recensioni/segnalazioni/varie

Oggi, ad esempio, vi porto una nuova intervista che ho fatto a Stefano Labbia, autore de 'Gli orari del cuore' e 'I giardini incantati'.


1. Per prima cosa: buongiorno Stefano! Posso darti del tu? Spero che non sia un problema. Ora sciogliamo il ghiaccio delle prime interviste –per me è così, almeno-. Tre fatti su di te che ritieni importanti e condizionanti.
Certamente!!! Anzitutto, grazie mille a te / Voi per questa bellissima opportunità! Dunque... Sicuramente uno dei tre perni è la mia continua ricerca della verità, personale, privata ma anche collettiva, corale. Umana. Il secondo potrebbe essere la mia creatività, intesa come sfaccettatura, come essenza, non come semplice aggettivo. Ho l'esigenza di esprimere quello che sento con qualunque mezzo, sia esso musica, poesia, comics o racconto. Il terzo potrebbe essere l'amore, vissuto, sognato, concreto o irreale, è comunque sempre presente nella mia vita.

2.Rimaniamo sulle domande per conoscerti. Cos’è che muove il “tuo mondo”? Non parlo strettamente di fisica, parlo di ciò che ti spinge a continuare ciò che fai.
So quello che dovrebbe muoverlo, spingerlo, alimentarlo. La consapevolezza. La coscienza.

3. Bianco o nero?
Dovrebbe essere bianco, spesso è nero. Dico grigio per una visione d'insieme, molto più realistica.

4. I valori che ritieni più importanti per te?
Sicuramente la memoria. Ricordare quello che è accaduto. Agli altri, a noi stessi. Imparare dagli sbagli. Crescere. Da lì parte tutto... Senza memoria non può esserci niente.

5. Superare i propri limiti o accettarli come tali?
Fare il meglio che si può con quello che si ha.

6. Se l’arte non fosse il tuo lavoro cosa credi staresti facendo adesso?
Forse quello per cui ho studiato, che se vogliamo, è anch'esso un lavoro "creativo" ossia lo chef.

7. Dalla tua biografia si può vedere che ti destreggi bene tra le arti, quali scrittura, sceneggiatura televisiva e probabilmente c’è altro che io sto scordando. C’è un arte nella quale preferisci cimentarti?
Mi sono di recente affacciato alla sceneggiatura, il mio "percorso" parte dalla poesia per arrivare alla narrativa, ovvero storie brevi, romanzi e graphic novel. Il linguaggio poetico è di certo quello che ha più sfaccettature e possibilità, in tal senso. Ma è anche vero che la descrizione di una scena, di un'inquadratura - nel caso dei comics - può davvero darti grandi soddisfazioni se realizzate con tutti i crismi.

8. Scrivere è una passione che porti dentro da tempo o è nata relativamente da poco?
Che io ricordi ho sempre scritto, sin da quando sono stato in grado di tenere in mano una penna. Storie, fiabe, racconti, fumetti... vago da sempre con la fantasia, a quanto mi dicono!

9. Spesso, dietro agli autori, si nasconde un grande lettore. E’ il tuo caso? Se sì, viene prima la passione per la lettura o per la scrittura? Sia cronologicamente, che d’importanza.
Vorrei leggere molto, molto di più di quanto faccia in realtà... Sul mio comodino ho una pila di opere in attesa di un attimo di respiro. Credo che tu abbia ragione, comunque: non si è appieno scrittori se non si è anche lettori. La lettura aiuta: forgia il linguaggio, amplia il lessico, ti immerge in situazioni, realtà che non conosci. Ti apre la mente.

10. Entrambi i tuoi scritti finora pubblicati “Gli orari del cuore” (2016) e “I giardini incantati” (2017) sono scritti in versi. Come mai hai scelto la poesia come metodo di scrittura? 
Saba diceva che "La letteratura sta alla poesia come la menzogna alla verità.". La poesia per me è sempre stato il linguaggio più semplice, immediato, vero e puro a cui affidare le mie emozioni. Non nascondo che l'incontro con Dante Maffia (che ho avuto la fortuna e l'onore di avere come Professore di Lettere e Italiano alle Superiori) abbia, in tal senso, dato ancor di più significato alla cosa.

11. Quali sono i cambiamenti significativi tra i due scritti?
"Gli Orari del Cuore" è un percorso, un cammino dall'adolescenza alla maturità, con tutto quello che questo comporta... C'è crescita, c'è sentimento, c'è amore spesso non corrisposto. "I Giardini Incantati" è un'opera più matura, dove il riverbero della coscienza e della conoscenza, si affaccia nella vita di un uomo con le sue colpe, i suoi amori, le sue gioie. E i suoi dolori.

12. Tre/cinque aggettivi per descrivere ognuna delle tue opere.
Per "Gli Orari del Cuore" direi bollente, convulso, feroce. Per "I Giardini Incantati", invece, direi riflessivo, introspettivo, innamorato.

13.  “I giardini incantati” è dedicato a tutti i tipi di lettori o è consigliabile ad un qualche gruppo in particolare?
È dedicato a coloro che credono ancora nella verità. A coloro che amano. Che soffrono.  Che vivono.

14. Se dovessi dedicare questo tuo ultimo libro a chi lo dedicheresti?
Probabilmente alle persone che contano davvero nella mia vita.

15.  Molto spesso le persone tengono dentro le loro emozioni, i loro pensieri. Trascrivere ciò ha portato dei benefici? Dare libero sfogo a questi flussi astratti aiuta?
Credo che lo scrivere, il tenere fisicamente un diario su cui dare libero sfogo ad emozioni e sensazioni provate, sia una delle terapie (almeno così vediamo nei film e nella letteratura) più prescritte al mondo. Indubbiamente chi scrive per "lavoro" - che deve essere prima di tutto una passione, altrimenti a mio modesto parere, perde ogni senso - mette parte di sé, nei propri scritti. È inevitabile. Molto però, sta all'abilità dell'autore che non deve, comunque, inondare di tratti, riconoscibili solo a se stesso o ai propri familiari, perché, anche se è vero che abbiamo tutti, molti tratti umani in comune... è un rischio. Ho letto di recente un giallo italiano: mi sembrava di avere tra le mani, durante la lettura, un quotidiano, più che un thriller... Una sensazione davvero spiacevole. Penso ai casi "trattati" da Nero Wolfe, Maigret o da Holmes... Ma anche ai libri della Christie, come metro di paragone - giudizio. 

16.  Ti sei mai pentito di aver scritto qualcosa di troppo intimo nei tuoi libri?
No.

17. Hai dei contatti con i lettori, magari attraverso i social?
Sono su Twitter e su Linkedin. Si, spesso e volentieri, anche durante le presentazioni, avviene uno scambio che è molto, molto importante per me. Ogni tweet, ogni messaggio, ogni segnale. Leggo sempre tutto e per me ogni frase, ogni parola ha valore.

18. Per il futuro c’è qualcosa che bolle in pentola? Dobbiamo tenerci pronti?
Si, tenetevi pronti! Il mio primo romanzo è in cerca di Editore (anche se ho avuto già diversi contatti che sto vagliando), poi una raccolta di racconti che è pronta ad andare in stampa. Anche nel settore audiovisivo ci sono alcune novità... Sto trattando con alcune società di produzione per il mio primo lungometraggio, una storia delicata e a sofferta, a tratti. Poi c'è "Fear", un teen drama che ha catturato l'attenzione di un paio di network inglesi... Staremo a vedere!

19. Credi nella felicità?
La vita è fatta di istanti. Di momenti felici. La felicità costante non esiste.

20.  Se dovessi dare uno o più consigli a chi si sta avvicinando per la prima volta al genere poetico, quali sarebbero?
Più che un consiglio mi sento di citare un grande della poesia e della cultura italiana, Umberto Saba: "Ai poeti resta da fare la poesia onesta.". Siate onesti. Con Voi stessi e con i lettori. Sempre.

21.  E se i consigli fossero per chi si sta avvicinando al mondo della scrittura?
Non ricordo chi ma qualcuno ha detto: Uno scrittore professionista è un dilettante che non ha mollato. Non mollate. Mai. Leggete. Frequentate corsi di scrittura. Leggete. E scrivete ogni cosa vi passi per la testa. Rileggete quello che avete scritto. Più volte. Valutate. Ponderate. Soppesate. Almeno è ciò che faccio io di solito...

22. Ti ringrazio tantissimo soprattutto per la pazienza e per la disponibilità. Spero che le mie domande non siano state fuori luogo o invadenti. Ho cercato di far conoscere un po’ in più ai tuoi lettori e ai tuoi futuri lettori. Un ultimo saluto a tutti coloro che leggeranno quest'intervista.
Grazie mille!
Valeria.
Grazie mille a te / Voi per la disponibilità e per la professionalità dimostrata!!!


1 commento:

Ditemi cosa ne pensate, i vostri commenti migliorano il blog. :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...