17 mag 2017

RELEASE BLITZ: Cassia - Giovanna Roma (Deceptive Hunters #3) + Giveaway

Buongiorno a tutti, miei adorati lettori.
Oggi son riuscita finalmente a trovare un po' di tempo per poter scrivere questo post e partecipare al release blitz del nuovo e ultimo libro di Giovanna Roma! ^^




Il libro fa parte di una serie dark romance, è il terzo libro.



➳ TitoloCassia 
➳ Serie: Deceptive Hunters Series  #3                                 
➳ Autrice
:  
Giovanna Roma
➳ Editore: 
Self 
➳ Prezzo:
€2.99
➳ Data di pubblicazione: 16 Maggio 2017



➳ Trama
Non posso tornare indietro, né procedere con la mia vita. Sono stata classificata inadatta a vivere nella società. Rinchiusa come un animale. E questo ha attirato la loro attenzione. Stanno venendo a prendermi. Uno dei due vuole quello che nascondo nella testa. Vuole scagliarmi contro la sua preda. L'altro vuole togliermi di mezzo per sempre. Entrambi mi spingono verso il precipizio e io sono costretta all'impensabile. La loro offerta non ha affatto il gusto di un'offerta. Uscirne è impossibile. Divengo parte di un piano già in atto. Divengo l'ultima creatura nella quale pensavo di tramutarmi per continuare a vivere. Divengo una cacciatrice. 
Aggiungetelo su Goodreads!

➳ATTENZIONE!
Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene violente, linguaggio forte e rapporti sessuali di dubbio consenso o non consensuali. Non adatto a persone sensibili al dolore e alla schiavitù. Non sono frasi fatte, è la verità. Si prega di seguire l'avvertimento.


➳ Booktrailer



➳ Estratto del romanzo 

10 mag 2017

INTERVISTA a Stefano Labbia (autore de 'I giardini incantati' e 'Gli orari del cuore')

Buongiorno a tutti!^^
Questo periodo è un po' infernale e quindi ci sarò meno, anche per motivi di studio e per motivi personali.
Nonostante ciò appena possibile pubblicherò qualcosina, tra recensioni/segnalazioni/varie

Oggi, ad esempio, vi porto una nuova intervista che ho fatto a Stefano Labbia, autore de 'Gli orari del cuore' e 'I giardini incantati'.


1. Per prima cosa: buongiorno Stefano! Posso darti del tu? Spero che non sia un problema. Ora sciogliamo il ghiaccio delle prime interviste –per me è così, almeno-. Tre fatti su di te che ritieni importanti e condizionanti.
Certamente!!! Anzitutto, grazie mille a te / Voi per questa bellissima opportunità! Dunque... Sicuramente uno dei tre perni è la mia continua ricerca della verità, personale, privata ma anche collettiva, corale. Umana. Il secondo potrebbe essere la mia creatività, intesa come sfaccettatura, come essenza, non come semplice aggettivo. Ho l'esigenza di esprimere quello che sento con qualunque mezzo, sia esso musica, poesia, comics o racconto. Il terzo potrebbe essere l'amore, vissuto, sognato, concreto o irreale, è comunque sempre presente nella mia vita.

2.Rimaniamo sulle domande per conoscerti. Cos’è che muove il “tuo mondo”? Non parlo strettamente di fisica, parlo di ciò che ti spinge a continuare ciò che fai.
So quello che dovrebbe muoverlo, spingerlo, alimentarlo. La consapevolezza. La coscienza.

3. Bianco o nero?
Dovrebbe essere bianco, spesso è nero. Dico grigio per una visione d'insieme, molto più realistica.

4. I valori che ritieni più importanti per te?
Sicuramente la memoria. Ricordare quello che è accaduto. Agli altri, a noi stessi. Imparare dagli sbagli. Crescere. Da lì parte tutto... Senza memoria non può esserci niente.

5. Superare i propri limiti o accettarli come tali?
Fare il meglio che si può con quello che si ha.

6. Se l’arte non fosse il tuo lavoro cosa credi staresti facendo adesso?
Forse quello per cui ho studiato, che se vogliamo, è anch'esso un lavoro "creativo" ossia lo chef.

7. Dalla tua biografia si può vedere che ti destreggi bene tra le arti, quali scrittura, sceneggiatura televisiva e probabilmente c’è altro che io sto scordando. C’è un arte nella quale preferisci cimentarti?
Mi sono di recente affacciato alla sceneggiatura, il mio "percorso" parte dalla poesia per arrivare alla narrativa, ovvero storie brevi, romanzi e graphic novel. Il linguaggio poetico è di certo quello che ha più sfaccettature e possibilità, in tal senso. Ma è anche vero che la descrizione di una scena, di un'inquadratura - nel caso dei comics - può davvero darti grandi soddisfazioni se realizzate con tutti i crismi.

8. Scrivere è una passione che porti dentro da tempo o è nata relativamente da poco?
Che io ricordi ho sempre scritto, sin da quando sono stato in grado di tenere in mano una penna. Storie, fiabe, racconti, fumetti... vago da sempre con la fantasia, a quanto mi dicono!

9. Spesso, dietro agli autori, si nasconde un grande lettore. E’ il tuo caso? Se sì, viene prima la passione per la lettura o per la scrittura? Sia cronologicamente, che d’importanza.
Vorrei leggere molto, molto di più di quanto faccia in realtà... Sul mio comodino ho una pila di opere in attesa di un attimo di respiro. Credo che tu abbia ragione, comunque: non si è appieno scrittori se non si è anche lettori. La lettura aiuta: forgia il linguaggio, amplia il lessico, ti immerge in situazioni, realtà che non conosci. Ti apre la mente.

10. Entrambi i tuoi scritti finora pubblicati “Gli orari del cuore” (2016) e “I giardini incantati” (2017) sono scritti in versi. Come mai hai scelto la poesia come metodo di scrittura? 
Saba diceva che "La letteratura sta alla poesia come la menzogna alla verità.". La poesia per me è sempre stato il linguaggio più semplice, immediato, vero e puro a cui affidare le mie emozioni. Non nascondo che l'incontro con Dante Maffia (che ho avuto la fortuna e l'onore di avere come Professore di Lettere e Italiano alle Superiori) abbia, in tal senso, dato ancor di più significato alla cosa.

11. Quali sono i cambiamenti significativi tra i due scritti?
"Gli Orari del Cuore" è un percorso, un cammino dall'adolescenza alla maturità, con tutto quello che questo comporta... C'è crescita, c'è sentimento, c'è amore spesso non corrisposto. "I Giardini Incantati" è un'opera più matura, dove il riverbero della coscienza e della conoscenza, si affaccia nella vita di un uomo con le sue colpe, i suoi amori, le sue gioie. E i suoi dolori.

12. Tre/cinque aggettivi per descrivere ognuna delle tue opere.
Per "Gli Orari del Cuore" direi bollente, convulso, feroce. Per "I Giardini Incantati", invece, direi riflessivo, introspettivo, innamorato.

13.  “I giardini incantati” è dedicato a tutti i tipi di lettori o è consigliabile ad un qualche gruppo in particolare?
È dedicato a coloro che credono ancora nella verità. A coloro che amano. Che soffrono.  Che vivono.

14. Se dovessi dedicare questo tuo ultimo libro a chi lo dedicheresti?
Probabilmente alle persone che contano davvero nella mia vita.

15.  Molto spesso le persone tengono dentro le loro emozioni, i loro pensieri. Trascrivere ciò ha portato dei benefici? Dare libero sfogo a questi flussi astratti aiuta?
Credo che lo scrivere, il tenere fisicamente un diario su cui dare libero sfogo ad emozioni e sensazioni provate, sia una delle terapie (almeno così vediamo nei film e nella letteratura) più prescritte al mondo. Indubbiamente chi scrive per "lavoro" - che deve essere prima di tutto una passione, altrimenti a mio modesto parere, perde ogni senso - mette parte di sé, nei propri scritti. È inevitabile. Molto però, sta all'abilità dell'autore che non deve, comunque, inondare di tratti, riconoscibili solo a se stesso o ai propri familiari, perché, anche se è vero che abbiamo tutti, molti tratti umani in comune... è un rischio. Ho letto di recente un giallo italiano: mi sembrava di avere tra le mani, durante la lettura, un quotidiano, più che un thriller... Una sensazione davvero spiacevole. Penso ai casi "trattati" da Nero Wolfe, Maigret o da Holmes... Ma anche ai libri della Christie, come metro di paragone - giudizio. 

16.  Ti sei mai pentito di aver scritto qualcosa di troppo intimo nei tuoi libri?
No.

17. Hai dei contatti con i lettori, magari attraverso i social?
Sono su Twitter e su Linkedin. Si, spesso e volentieri, anche durante le presentazioni, avviene uno scambio che è molto, molto importante per me. Ogni tweet, ogni messaggio, ogni segnale. Leggo sempre tutto e per me ogni frase, ogni parola ha valore.

18. Per il futuro c’è qualcosa che bolle in pentola? Dobbiamo tenerci pronti?
Si, tenetevi pronti! Il mio primo romanzo è in cerca di Editore (anche se ho avuto già diversi contatti che sto vagliando), poi una raccolta di racconti che è pronta ad andare in stampa. Anche nel settore audiovisivo ci sono alcune novità... Sto trattando con alcune società di produzione per il mio primo lungometraggio, una storia delicata e a sofferta, a tratti. Poi c'è "Fear", un teen drama che ha catturato l'attenzione di un paio di network inglesi... Staremo a vedere!

19. Credi nella felicità?
La vita è fatta di istanti. Di momenti felici. La felicità costante non esiste.

20.  Se dovessi dare uno o più consigli a chi si sta avvicinando per la prima volta al genere poetico, quali sarebbero?
Più che un consiglio mi sento di citare un grande della poesia e della cultura italiana, Umberto Saba: "Ai poeti resta da fare la poesia onesta.". Siate onesti. Con Voi stessi e con i lettori. Sempre.

21.  E se i consigli fossero per chi si sta avvicinando al mondo della scrittura?
Non ricordo chi ma qualcuno ha detto: Uno scrittore professionista è un dilettante che non ha mollato. Non mollate. Mai. Leggete. Frequentate corsi di scrittura. Leggete. E scrivete ogni cosa vi passi per la testa. Rileggete quello che avete scritto. Più volte. Valutate. Ponderate. Soppesate. Almeno è ciò che faccio io di solito...

22. Ti ringrazio tantissimo soprattutto per la pazienza e per la disponibilità. Spero che le mie domande non siano state fuori luogo o invadenti. Ho cercato di far conoscere un po’ in più ai tuoi lettori e ai tuoi futuri lettori. Un ultimo saluto a tutti coloro che leggeranno quest'intervista.
Grazie mille!
Valeria.
Grazie mille a te / Voi per la disponibilità e per la professionalità dimostrata!!!


05 mag 2017

Cosa ci porta il vento #58 Segnalazione: L'incensiere - Valerio Dalla Ragione

Buongiorno a tutti! Come è andata questa settimana che ormai sta volgendo al termine?
Il sole vi ha accompagnato nella vostra settimana, non so voi ma a me il buon tempo mi spinge a fare molte più cose.
Un po' tanto metereopatica...

Appunto perchè mi sento più produttiva oggi vi porto una nuova segnalazione che sta aspettando da tanto il suo momento.

➳ Titolo: L'incensiere
➳ Autore:  
Valerio Dalla Ragione
➳ Editore: 
Lettere animate 
➳ Data di pubblicazione:
10 Gennaio 2017 

➳ Pagine:
382 
➳ Genere
: Fantascienza/distopico/assurdo
➳ Prezzo€16,50 cartaceo (a breve anche la versione digitale)

 Amazon | IBS

➳ Trama
Con vostra grande sorpresa vi scoprite essere lo scomodo bersaglio della classe dominante della vostra città, una città dove centotrenta milioni di persone vivono con lo spettro di un conflitto che potrebbe annientare le loro esistenze. Mentre la corruzione dilagante ingloba la vita politica e un monarca semi-umano getta le fondamenta di una nuova società, la morte a cui vi hanno predestinato potrebbe non essere la vostra unica opzione: dimore imperiali oltre la via della seta, autostrade informatiche, etnie robotiche sepolte dal tempo e cerimonie del tè in un pomeriggio d'autunno si mostreranno nel campo delle vostre possibilità. Fra i riflessi distorti di una metropoli dormiente e le notti di delirio nella ferocia di un'altra epoca, vi chiederete se le domande sulla vostra vita e quello che vi circonda valgano la pena di essere poste.

➳ Angolo dell'autore

Toscano, classe ´95. Dopo essermi diplomato al Liceo Classico F. Petrarca di Arezzo, sono studente di laurea triennale in economia alla Copenhagen Business School. L´incensiere è il mio secondo romanzo - il primo, Selène, è stato pubblicato nel 2015 da Lettere Animate Editore. Coltivo la composizione al pianoforte e la lingua cinese nel tempo libero.

02 mag 2017

COVER REVEAL: Cassia - Giovanna Roma (Deceptive Hunters Series #3)

Buongiorno a tutti^^
Come state? Ieri come avete passato il 1 Maggio?
Io dal canto mio l'ho passato in buona compagnia e questo mi ha rilassato un po'.
Vi ricordo che nel blog è in corso un Little Linky Party!

Però questo non è l'argomento di oggi, l'argomento è infatti la COVER REVEAL del terzo libro della serie Deceptive Hunters Series di Giovanna Roma: Cassia

..continuate a leggere, sotto ci potrebbe essere una sorpresa..




E la protagonista di oggi è... proprio la copertina!



➳ TitoloCassia 
➳ Serie: Deceptive Hunters Series  #3                                
➳ Autrice
:  
Giovanna Roma
➳ Editore: 
Self
➳ Data di pubblicazione: 16 Maggio 2017


➳ Trama
Non posso tornare indietro, né procedere con la mia vita. Sono stata classificata inadatta a vivere nella società. Rinchiusa come un animale. E questo ha attirato la loro attenzione. Stanno venendo a prendermi. Uno dei due vuole quello che nascondo nella testa. Vuole scagliarmi contro la sua preda. L'altro vuole togliermi di mezzo per sempre. Entrambi mi spingono verso il precipizio e io sono costretta all'impensabile. La loro offerta non ha affatto il gusto di un'offerta. Uscirne è impossibile. Divengo parte di un piano già in atto. Divengo l'ultima creatura nella quale pensavo di tramutarmi per continuare a vivere. Divengo una cacciatrice. 
Aggiungetelo su Goodreads!

➳ Romanzi della serie















➳ GIVEAWAY

Il vincitore riceverà la COPIA CARTACEA AUTOGRAFATA del primo romanzo, Adam. :

Ecco come vincere:
-Like alla pagina facebook Autrice;
-Condividi il post fisso della pagina Autrice sulla tua bacheca in modalità PUBBLICA;
-Sotto il post fisso della mia pagina commenta con i links (o screen) delle tue recensioni sugli altri 
romanzi dell'autrice  su Amazon e/o Goodreads. 
-Entrare nel mio gruppo Giovanna Roma's News  non è obbligatorio, ma apprezzato di cuore.

Il contest terminerà il 6 maggio. Il fortunato verrà estratto domenica 7 sui canali social dell'autrice.



➳Angolo dell'autrice



Nata e cresciuta in Italia e viaggiato sin da bambina. I generi che legge spaziano tra thriller, psicologia, storico e dark romance. Anche quando un autore non la convince, concede sempre una seconda possibilità, leggendo un altro suo libro. Autrice del romanzo storico "Il patto del marchese" e dark "La mia vendetta con te" e "Il Siberiano".

Segnalazione 'Il Siberiano'
Segnalazione 'La mia vendetta con te'
Segnalazione 'Il patto del Marchese'



- Per ogni news, novità, e per sapere tutto in anteprima potrete iscrivervi al gruppo creato dall'autrice proprio per questi scopi: Giovanna Roma's News
Potrete parlare con altri/e lettori/lettrici, avere gli aggiornamenti live proprio come un fanclub! ^^


28 apr 2017

L'arte di essere fragili: come Leopardi può salvarti la vita - Alessandro D'Avenia » Recensione

➳ Titolo: L'arte di essere fragili- come Leopardi può salvarti la vita
➳ Autore:  
Alessandro D'Avenia
➳ Editore: 
Mondadori
➳ Prezzo€19,00 cartaceo €9,99 ebook

➳ Trama
"Esiste un metodo per la felicità duratura? Si può imparare il faticoso mestiere di vivere giorno per giorno in modo da farne addirittura un'arte della gioia quotidiana?" Sono domande comuni, ognuno se le sarà poste decine di volte, senza trovare risposte. Eppure la soluzione può raggiungerci, improvvisa, grazie a qualcosa che ci accade, grazie a qualcuno. In queste pagine Alessandro D'Avenia racconta il suo metodo per la felicità e l'incontro decisivo che glielo ha rivelato: quello con Giacomo Leopardi.
Leopardi è spesso frettolosamente liquidato come pessimista e sfortunato. Fu invece un giovane uomo affamato di vita e di infinito, capace di restare fedele alla propria vocazione poetica e di lottare per affermarla, nonostante l'indifferenza e perfino la derisione dei contemporanei. Nella sua vita e nei suoi versi, D'Avenia trova folgorazioni e provocazioni, nostalgia ed energia vitale. E ne trae lo spunto per rispondere ai tanti e cruciali interrogativi che da molti anni si sente rivolgere da ragazzi di ogni parte d'Italia, tutti alla ricerca di se stessi e di un senso profondo del vivere.

➳ Recensione


25 apr 2017

FESTEGGIAMO I DUE ANNI DEL BLOG: Little Linky Party

Buongiorno a tutti e buon 25 Aprile!
In questa giornata di festa da voi fanno qualche manifestazione? Parteciperete, nel caso?
Nonostante ciò spero di poter attirare la vostra attenzione anche solo per un qualche secondo.

Il blog, questo mese, ha compiuto la bellezza di due anni.
Lo so, sembra impossibile anche a me. 
(Soprattutto perchè è raro che un qualcosa che decido di fare duri per così tanto.......)

Comuuuuunque.
Volevo, prima di tutto, ringraziare ogni singolo lettore, ogni singola persona che anche se per caso sia passata di qui. Voi siete il motivo per il quale io stia continuando a pubblicare.
Vorrei ringraziare ogni autore/casa editrice che ha deciso di prendermi in considerazione per segnalazioni, recensioni ed eventi.

E con l'augurio di rinnovare il blog per altri anni vi propongo un piccolo modo per festeggiare.
Un Little Linky Party.





Credo che molti di voi già conoscano il funzionamento di questi eventi.
Per chi non lo conosce è abbastanza facile.
E' aperto a coloro che abbiano un blog, una pagina Facebook o ciò che vorrete segnalare e far conoscere a coloro che parteciperanno e non.

  1. First of all, dovete essere iscritti come lettori fissi al mio blog.

  2. Dovete spargere un po' la voce del Party, cercando di invitare almeno 3 blog. (Non è obbligatorio che partecipino, possono anche voler ignorare la notizia, però è per far conoscere di più l'evento.

  3. Dovete seguire almeno due/tre blog nella lista dei partecipanti. Non prendete questo punto solo come un obbligo. Utilizzate questo per scoprire nuovi blog, per confrontarvi con i pensieri altrui.

Al momento dell' ''iscrizione'' al Party dovete scrivere -tramite commento qui sotto- il link del vostro blog, i blogs/pagine Facebook/etc che avete invitato, e il/i tema/i che tratta il vostro blog/pagina etc.
Solo perchè il mio blog tratta di libri non significa che i partecipanti debbano trattare dello stesso tema, anzi.
Variamo.

Potete, facoltativamente, pubblicizzare l'evento sui vari social e/o utilizzare il banner nei vostri blog.

Se... raggiungeremo i 33/35 partecipanti al Linky Party entro fine Giugno/inizio Luglio -data da definire- ...

Vi sarà un giveaway che in quel caso vi proporrò.
(eheheheh)


Ad ogni vostro commento la lista verrà aggiornata.
Per ora è questa:

Vento di Libri (lit-blog)
The bookworms Invasion (lit-blog e serie tv)













18 apr 2017

Cosa ci porta il vento #57 Segnalazione: Camera 101 - Enea Tonon

Buonasera a tutti!
Fare gli auguri di buona Pasqua in ritardo non è proprio il massimo ma spero che comunque abbiate passato delle serene giornate, almeno per scaricare quello stress che ci attanaglia giorno dopo giorno in questa società frenetica.
E perchè non staccare un bel libro?
Oggi vi propongo un libro per coloro che hanno gusti un po' osé, se così possiamo definirli.

➳ Titolo: Camera 101 - L'osceno è la radice del piacere
➳ Autore:  
Enea Tonon
➳ Pagine: 
107
➳ Genere:
 Narrativa erotica
➳ Prezzo€4,99 kindle

➳ Trama

Una giovane donna riconosce nel suo sadismo l'unico sublime godimento.
Oltre il piacere, si snoda la vera storia dell'amore sadico, che una giovane donna crudele, vive senza regole né scrupoli. Con gelida determinazione, cerca l'estasi dei sensi attraverso la sua lucida brutalità, convinta che il piacere sublime sia quello spietato, in cui il proprio esercizio della cattiveria sia reso del tutto possibile e completamente disponibile. Ritiene che il piacere sia possente, determinato e dilagante, perché scritto nel DNA, mentre l'amore è invece per lei, un sentimento debole, che trova le sue origini in ambito culturale. Riconosce la sua essenza intrisa di sadismo, come l'unica possibile per lei e esercitare la crudeltà, il solo modo per raggiungere un godimento sublime. Costruisce una sua etica morale, in cui non c'è posto per la pietà umana e la giustizia, arrogandosi ogni diritto, pur di giustificare e ottenere quel che desidera.


➳ Angolo dell'autore


Enea Tonon nasce a Pozzuoli il 20-08-1945.
Subito la sua famiglia emigra in Francia, dove trascorre l’infanzia a Saint Marie Aux Mines, un piccolo paese alsaziano, e la sua lingua madre sarà il Francese.
Imparerà l’italiano quando torna in Italia, all’età di nove anni, poiché in casa la madre parlava napoletano e il padre veneto e niente italiano.
Impara molto presto a leggere e a sei anni, ruba i libri gialli che il padre nasconde sotto il materasso, per leggerli avidamente di nascosto, e ancora ricorda alcuni titoli: Malaise a Milan, La fournaise infernal, La nuit des espion, les rats du Tamige.
Probabilmente quelle letture hanno generato in lui il desiderio di scrivere e, infatti, a quattordici anni termina un primo romanzo giallo, poi un articolo sugli orrori della guerra d’Africa, un saggio su De Sade, e infine un secondo romanzo a diciassette anni.
Quest’ultimo romanzo è inviato all’editrice GEI (Grandi edizioni internazionali) di Roma, che chiede un incontro a Roma e decide di pubblicarlo.
Deve solo fare le bozze e poi sarebbe stato pubblicato ma, la vita decide diversamente e dopo aver stracciato tutto, lascia la famiglia a diciotto anni e da allora non ha più voluto scrivere nulla.
Trascorre l’adolescenza nel veneto, poi all’età di diciotto anni, va a vivere da solo a Napoli, dove risiederà fino a trentatré anni, e infine si sposta in Emilia, dove ora risiede.
Lavora nel settore tessile da sempre e negli ultimi venti anni, la sua professione in tecnologia tessile, lo porta a viaggiare di continuo, prima in Italia e poi in altri paesi lontani.
Tra un viaggio e l’altro, trascorre circa un anno in India e un altro in Iran, e tra i paesi in cui ha lavorato per tempi più brevi, c'è l’Argentina, il Messico, l’Uruguay, la Russia, la Turchia, la Spagna e altri.
“Camera 101 – L’osceno è la radice del piacere –“ è il suo primo libro, cui ne seguiranno altri due.

09 apr 2017

Cosa ci porta il vento #56 Segnalazione: Ritratto di dama - Giorgia Penzo

Buongiorno e buona domenica a tutti coloro che son capitati qui sul mio blog.^^
Come state passando questa domenica primaverile?
Io oggi ho deciso di dedicarmi quasi totalmente a me stessa, ogni tanto me lo devo.
Non dimenticatevi mai di voi stessi, anche se questo sembra un controsenso pensateci su.

➳ Titolo: Ritratto di dama
➳ Autrice:  
Giorgia Penzo
➳ Editore: 
CartaCanta
➳ Pagine: 
152
➳ Genere:
 Narrativa romantica
➳ Prezzo€13,00 cartaceo (- 15% 11,05)

➳ Trama

Il viaggio di due anime che si amano da sempre e che combattono per incontrarsi, una favola metropolitana dalle atmosfere parigine. Notte di San Lorenzo. Seduta su una panchina di fronte a Notre Dame una ragazza sembra aspettare qualcuno. Guillaume, studente di Storia dell'arte, la nota da lontano. Incrocia il suo sguardo e ha un sussulto: è identica alla famosa Belle Ferronnière ritratta da Leonardo da Vinci. Con una immediata complicità, dal Point Zéro inizia la loro passeggiata attraverso la Ville Lumière. I due parlano di ciò di cui è fatta la vita: arte, fato, desideri, morte. Ma soprattutto d'amore. A un passo dall'alba, la ragazza svela a Guillaume il suo segreto...

"In realtà un colpo di fulmine è un ricordo. Un ricordo non della mente, ma del cuore, che ci sussurra: hai amato quella persona in un altro tempo, in un'altra vita."


➳ Angolo dell'autrice


Giorgia Penzo (Reggio Emilia, 1987) è laureata in Giurisprudenza e appassionata di storia, mitologia classica, cinema e arte. Nel 2013 pubblica una duologia urban fantasy (Red Carpet e Asphodel Editrice GDS) che riscuote grande successo. Si autodefinisce una nerd, nata nel posto sbagliato, nell'epoca sbagliata e laureata nella facoltà sbagliata. Forse per questo che il suo blog conta circa 6000 iscritti e il suo profilo Twitter 18.000 follower.

05 apr 2017

Oltre noi l'infinito - Jay Crownover (Marked Men #2) » Recensione

Buonasera a tutti! Come state?
Perdonate la tarda ora in cui pubblico il post ma spero che qualcuno sveglio e curioso ancora ci sia.. e poi ci sono i giorni a seguire per vedere un po' di cosa parleremo qui.

➳ Titolo: Oltre noi l'infinito
➳ Autrice:  
Jay Crownover
➳ Serie: 
Marked Men (in Italia The Tattoo series) #2
➳ Editore: 
Newton Compton Editori
➳ Genere:
 New adult
➳ Prezzo€5,90/9,90 cartaceo €2,99 ebook

➳ Trama

Con i suoi pantaloni di pelle aderenti, un profilo tagliente e un’aria misteriosa, Jet Keller è il protagonista delle fantasie più sfrenate di ogni ragazza. Ayden Cross è cresciuta accanto a tipi poco raccomandabili e di certo non ha intenzione di farsi abbindolare dagli occhi scuri e ipnotici di Jet. Ha paura di bruciarsi, ma, nonostante tutto, anche solo essere sfiorata da lui la accende. Jet non riesce a resistere alle gambe chilometriche di Ayden, infilate in quegli stivali da cowboy, che sembrano sfidarlo. Eppure, più gli sembra di esserle vicino, tanto più è forte la sensazione di non conoscerla. E nel momento in cui capirà di volerla a qualsiasi costo, dovrà fare i conti con qualcuno che ha un’idea di relazione completamente diversa dalla sua. La fiamma iniziale lascerà il posto a un amore duraturo, o consumerà i loro sogni lasciando solo cenere?

➳ Recensione

31 mar 2017

Cosa ci porta il vento #55 Segnalazione: Pieve Cipolla - Gianpiero Pisso



Buonasera a tutti ^^
Anche un'altra settimana sta volgendo a termine, grazie a Dio. Il sole rimane per più tempo con noi durante la sera e questo non può che migliorare il mio umore, a voi? Il cambiamento dell'orario ha portato qualche cambiamento nell'umore?


➳ Titolo: 
Pieve cipolla
➳ Autore:  
Gianpiero Pisso
➳ Editore: 
Le mezzelane
➳ Genere:
 romanzo rurale umoristico 
➳ Pagine:
381 ebook, 312 cartaceo
➳ Prezzo€5,99 ebook €15,90 cartaceo 
➳ Data di pubblicazione: Marzo 2017 
➳  ISBN:
9788899964351



➳ Trama

Pieve Cipolla, nelle Alpi bergamasche, uno dei tanti borghi delle nostre splendide vallate, è nato dalla fantasia dell’Autore. Non affannatevi a ricercarlo sulle cartine geografiche. Non lo troverete. In buona parte è però stato creato sulla base delle caratteristiche che accomunano i nostri paesini montani con economie basate sulla pastorizia, sull’agricoltura, sull’artigianato locale, dove gli anziani trascorrono il loro tempo giocando a carte, a bocce, bevendo qualche bicchiere di vino rosso in compagnia e raccontandosi le storie di tutti i giorni, perfino quelle che parlano di mostri orribili, creature terrificanti che giurano di aver visto tra i boschi e i pascoli della valle. I giovani attendono il momento propizio per lasciare il loro luogo natio, alla ricerca di fortuna altrove, dove le industrie, quelle vere, possono offrire opportunità concrete per le loro carriere e ambizioni, soddisfacendo parimenti il loro desiderio di evasione e di libertà. Questi paesini si depauperano ogni giorno, ma alcuni riescono fortunatamente a sopravvivere, conservando le loro economie ataviche, pur con enormi difficoltà e problemi. In questi borghi, tra le nostre montagne, tre sono le autorità riconosciute, quelle attorno alle quali ruotano il mondo rurale e gli interessi dei loro abitanti: l’autorità religiosa, rappresentata dal parroco del paese, sempre disponibile ad aiutare i suoi parrocchiani e impegnato nella cura delle anime; quella sociale e politica, impersonata dal primo cittadino eletto a tale carica e quella legale, che assicura la sicurezza e l’ordine del paese e che è garantita dal maresciallo dei Carabinieri. Esistenze, modi di intendere la vita, interessi e personalità talvolta diversi gli uni dagli altri, ma con il medesimo fine: cercare di donare benessere e prosperità alla comunità, costituita da paesani dalle mani callose e dalla cultura non sempre sviluppata, alla perenne ricerca di stratagemmi per raggranellare il necessario per sbarcare il lunario, talvolta utilizzando anche mezzi non propriamente leciti. In questi borghi, spesso difficilmente raggiungibili, dove talvolta il forestiero è guardato con ostilità, due qualità, mescolate tra loro, contribuiscono a forgiare il carattere degli abitanti: la generosità, estrinsecata nell’aiuto al prossimo e nel soccorso ai più deboli e l’orgoglio di avere in comune la nascita in quella valle, di sentirsi membri privilegiati di un’enclave che già era appartenuta ai loro padri, e ai nonni e ai nonni dei nonni. In genere questo porta gli abitanti della valle a diffidare degli stranieri, coloro che non abitano in valle, e a interessarsi, talvolta in modo eccessivo, dei fatti altrui, senza però che ciò venga visto come invasione della privacy o sconfinamento nella sfera privata. Questo comune provare un marcato senso di appartenenza dà agli abitanti di questi borghi il coraggio della critica e dello scambio di vedute, ma li rende anche proni a emettere giudizi affrettati e non sempre rispondenti a realtà, a una certa predisposizione al pettegolezzo e in alcuni casi anche a cavalcare la maldicenza e la ritorsione, portata a termine con piccoli dispetti.

Un romanzo alla Guareschi, l’ideatore di Peppone e don Camillo m                                                                                             
a senza politica e con molti personaggi maschili e femminili che ruotano attorno agli amici dello scopone scientifico che si incontrano tutti i pomeriggi al Circolo Bocciofila Ungaretti, davanti a un buon bicchiere di vino e che si raccontano e confidano le loro avventure, le loro aspirazioni, le loro vite e anche i loro amori.

➳ Angolo dell'autore

Nato in provincia di Varese, sul Lago Maggiore, dove attualmente risiede con la sua famiglia, l’autore è laureato in ingegneria aeronautica e ha, per molti anni, lavorato come dirigente industriale in grosse società italiane e multinazionali straniere.
Ama viaggiare e dedicarsi alle sue tre principali passioni: scrivere, leggere e dipingere ad acquarello.La sua narrativa, sempre attuale e talvolta ironica, rifugge dagli eccessi e vuole proporsi come una lettura spensierata, disinvolta e scacciapensieri.Vincitore del premio nazionale “Le Porte del Tempo” 2012, categoria Saggistica, con l’opera: La profezia del Cristo Pagano, edita da Eremon Edizioni. Ha pubblicato anche con Kindle l’e-book Rudiobus, il cavallo d’oro e con Eretica Edizioni, nel 2016, il suo romanzo mistery: La Tela del Maligno.

Con Pieve Cipolla l’Autore si è classificato al secondo posto al Premio Nazionale, editi e inediti, Parole di Terra 2016/17.

25 mar 2017

Dieci piccoli respiri - K.A. Tucker (Ten Tiny Breaths #1) » Recensione

Buongiorno e buon sabato a tutti ^^
Ultimamente mi faccio vedere sempre meno, lo so. Spero possiate perdonarmi senza ricorrere a forconi e torce infuocate.. okay, tutto regolare.

Oggi vi porto la recensione di un libro che ho letto in pochissimo tempo, questo già vi fa capire la sua scorrevolezza.
➳ Titolo: Dieci piccoli respiri
➳ Autrice:  
K.A.Tucker 
➳ Serie:
Ten Tiny Breaths #1
➳ Editore: 
Newton Compton Editori
➳ Genere:
 New adult
➳ Prezzo€5,90/9,90 cartaceo €4,99 ebook

 Amazon | Goodreads | Feltrinelli 
(c'è solo il libro con tutta la serie) | Newton Compton | Mondadori 

➳ Trama

L'amore è un biglietto di sola andata
E se fuggire via per sempre significasse trovare un nuovo amore?
Kacey Clearly ha solo vent’anni quando la sua vita va in pezzi. Un terribile incidente automobilistico le porta via i genitori, il fidanzato e la sua migliore amica. Dopo quattro anni trascorsi a casa degli zii nel Michigan, Kacey decide di fuggire via per sempre. Una notte lei e sua sorella Livie prendono un autobus per Miami e lì, nonostante le difficoltà economiche, possono finalmente ricominciare a progettare una nuova vita. Kacey però non è ancora pronta a lasciarsi alle spalle il passato e stringere nuove amicizie, neppure se a chiederglielo è l’affascinante vicino, Trent Emerson, un enigmatico ragazzo dagli ipnotici occhi blu. Eppure Trent è deciso a far breccia nel suo cuore, e presto Kacey dovrà smettere di chiudersi a riccio e arrendersi al suo amore...
Il suo cuore è stato spezzato, ma è arrivato il momento di sentirlo battere ancora.
Solo perché stai respirando non vuol dire che tu sia vivo...

➳ Recensione
(ATTENZIONE: SPOILER)


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...